Road to 2013: viva il lider Massimo

di Lorenzo Mauro

ombraDevo confessare che ci avevo messo qualche giorno a individuare il lato per me più positivo della vittoria di Bersani alle primarie del centrosinistra. Certo, ripetevo tra me e me, sono contento che abbia retto il vecchio stile di governo emiliano, per intenderci quello che Nanni Moretti ha reso famoso lodandone l’efficienza degli asili. Ma la cosa che più mi provocò sollievo fu la mancata rottamazione del più grande protagonista della scena politica nostrana: il lider Massimo. Non poteva essere defenestrato in quel modo, lui primo capo del governo dal sangue rosso della storia d’Italia. E nemmeno poteva essere l’autore di questa umiliazione un ragazzotto cattolico, dall’eloquenza fastidiosa, antipatico e perfino un po’ di destra. L’esito di quelle consultazioni mi permette ora di leggere con altri occhi questa campagna elettorale da vent’anni sempre uguale a se stessa. Infatti basta riprendere le poche dichiarazioni di “Baffino” per riposarsi e attendere tranquilli che arrivi il 26 febbraio.

1) “Comunque vada noi governeremo con Monti perché anche in Europa molti fanno cosi. Un conto è la propaganda, un altro è la politica”

2) “La sinistra di Ingroia e Beppe Grillo sono populismi che raccolgono il voto di protesta”

3) “Auguro a Monti di superare Grillo nella battaglia per il terzo posto”. Magistrale, non trovate? Devo precisare che io noto nella retorica dalemiana un surplus di sincerità negli ultimi tempi. La vittoria di Bersani alle primarie lo ha ringalluzzito, anche perché una buona parte del merito va proprio a lui e al suo annuncio di non ricandidarsi per il Parlamento, che ha neutralizzato de facto il messaggio bellicoso del sindaco di Firenze. Per questo può attendere con serenità di giocarsi le sue carte per un posto al governo (o al Quirinale, chissà); e senza nemmeno l’onere della campagna elettorale! Chi sta meglio di lui? Quelle tre frasette che ho ricordato qui sopra sembrano smontare tutto l’orrendo teatrino di questi di giorni. Me lo vedo Massimo, dall’alto, farsi due risate nel vedere i commedianti recitare. E pensando, tra se e se.

Vendola e Monti, fate bene a litigare tutti i giorni. Non vi potete proprio vedere….Nichi, lo so che tu vuoi frenare l’emorragia a sinistra, e tu professore provi a spaventare i cosiddetti moderati e convincerli a votare il tuo centrino. E tu Pierluigi, hai fatto bene ad offenderti quando Mario ha detto che il Pd è nato nel 1921. Noi due sappiamo da dove veniamo, ma bisogna dissimulare per non spaventare i poteri forti internazionali.
Tanto poi gli ultimi giorni tiriamo fuori il voto utile. Si, siamo il Pd e facciamo schifo, abbiamo governato con Monti e abbiamo lasciato campo libero alla destra per vent’anni. Non abbiamo mai approvato la legge sul conflitto di interessi: per scelta e convinzione. Ma tanto sappiamo che tu, stupido elettore del centrosinistra, fino a quando ci sarà Berlusconi gli voterai contro. Quindi ogni tanto noi ci premuriamo di ricordarti di non disperdere il voto, certi che saprai tenere nel debito conto i nostri consigli. E tu, caro Mario, hai voluto giocare a fare il politico? Ma non lo vedi che conti cosi poco da giocartela con Grillo? A si, proprio tu Beppe, dovevi spaccare il mondo, invece farai una buona percentuale, ma non ci fai che il solletico.
Ps. Ah dimenticavo, in effetti per Pierluigi la partita non è ancora decisa: chissà se ce la farà a coronare il suo sogno. Ma in fondo, non è cosi importante. I comunisti hanno già governato una volta. E a Palazzo Chigi ce li ho portati io.

Questa voce è stata pubblicata in Attualità, Road to 2013. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Road to 2013: viva il lider Massimo

  1. Idebenone ha detto:

    Pier Luigi Bersani risponde a Mario Monti che aveva definito soddisfacente l’esito della riunione a Bruxelles che ha portato all’approvazione del bilancio Ue per sette anni 2014-2020: “Se alla fine di una riunione come quella di venerdì festeggia Cameron, vuol dire che tutte le altre sono vittorie di Pirro”. Bersani l’ha detto a Torino durante il suo intervento a Renaissance for Europe al teatro Regio. A suo avviso, se la Gran Bretagna gioisce per l’esito delle trattative, è segno che l’Italia, che ne era la controparte, ha avuto la peggio.Mario Monti replica dopo un giorno, intervistato nella video chat di di Tgcom24. Sulle polemiche tutte italiane) a proposito del nuovo bilancio Ue, e sulle frasi pronunciate dal candidato leader del centro-sinistra, il Professore replica spiegando di considerare: “Un po’ infantile parlare di vittoria di Pirro perchè è chiaro che ognuno ha interesse a rivendicare una vittoria nel proprio Paese”.E sui venti che si respirono a Bruxelles, Mario Monti spiega: ”E’ verissimo – che in Europa temono il ritorno di Silvio Berlusconi – perchè ne hanno avuto abbastanza di un’Italia che rischia, con la fragilità politica, l’incapacità di decidere e la indisciplina finanziaria, di mettere ancora a rischio se stessa, l’Eurozona e l’Europa”.Tornando alla politica interna, Mario Monti accenna ovviamente alle elezioni in Lombardia, il cui esito è incertissimo sia alle Regionali sia per il voto alle politiche per il Senato. Alcuni suoi colleghi, candidati di Scelta Civica avevano invitato al voto disgiunto votando Ambrosoli, affinché batta Roberto Maroni per la corsa al Pirellone, ma il leader di centro non ci sta: “Non condivido la logica del cosiddetto voto utile o inutile e quindi auspico che coloro che voteranno Scelta Civica alla Camera e Senato votino Albertini”, ha detto Monti. Spiegando che questo è un “disegno coerente” per “non avere la Lega al governo della Lombardia”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...