Il calcio è la sola religione del mondo: Futbologia, la rivoluzione rotola

Cari lettori scrivo da un passato prossimo e so che quando leggerete queste righe il contagio si sarà già propagato. Volenti o nolenti ne sarete caduti vittima, chi in balia di un coinvolgimento totale chi in preda a un rifiuto categorico. Quando leggerete queste righe il campionato Europeo di calcio sarà cominciato da almeno una settimana e voi ne sarete già le vittime.

Il calcio è così, stimola emozioni forti, divide e polarizza, titilla gli istinti più bassi e allo stesso tempo elettrizza le menti più affilate.

Diceva Pier Paolo Pasolini:

«Il calcio è l’ultima rappresentazione sacra del nostro tempo. È rito nel fondo, anche se è evasione. Mentre altre rappresentazioni sacre, persino la messa, sono in declino, il calcio è l’unica rimastaci. Il calcio è lo spettacolo che ha sostituito il teatro»

Il calcio è l’ultima rappresentazione sacra del nostro tempo, la sola religione del mondo come canta Brunori SAS, ma noi, che non nascondiamo la nostra simpatizzante nostalgia per il pensiero di Carlo Marx, sappiamo che la critica della religione è il presupposto di ogni critica e, dunque, la critica del calcio è parimenti il presupposto di ogni critica.

Siamo convinti che sia possibile ripensare e riparlare il calcio, avvicinarsi a questo gioco con sguardo critico e acume scientifico per ribaltarne l’ordine del discorso.

Una rivoluzione, nel senso etimologico del termine.

Ecco cosa stiamo cercando di fare.

Per questo motivo abbiamo deciso di crearci un’occasione rivoluzionaria. Si chiama Futbologia ed è una e molte cose allo stesso tempo: un convegno sul calcio che si terrà a Bologna, un esperimento di cultura partecipata dal basso, un progetto di comunicazione sportiva e virale, la conferma che reti informali di persone possono davvero uscire dalla dimensione virtuale e dare vita a soggettività e operatività radicalmente nuove.

Noi de La Rotta per Itaca non abbiamo mai nascosto il nostro amore per il pallone e lo abbiamo dichiarato in diverse occasioni, siamo altresì convinti che l’esistente non è dato e che noi abbiamo la possibilità di incidere su esso, ribaltarlo e ricostruirlo.

È dunque con piacere che abbiamo accettato di ospitare sulle nostre pagine elettroniche l’appello di Futbologia, lo potete leggere qui sotto:

 Fútbologia

La Rivoluzione rotola

La rivoluzione rotola

Annusiamo calcio da quando eravamo bambini. L’odore di muffa dello spogliatoio, il grasso per ungere le scarpe, il sudore delle maglie. Intere formazioni mandate a memoria.

Lo giochiamo. Lo abbiamo giocato..
Abbiamo numi tutelari. Epiche figure mondiali, insieme a piccole divinità locali. E con loro una costellazione, una spoon river  di campioni, compagni e amici da ricordare.
Eppure lo sappiamo. Il livello del discorso sul calcio in Italia è molto basso. E il sistema del business globale del calcio è nella merda fin sopra i capelli. Da tempo ci divertiamo meno.
Però abbiamo un piano. Attaccare. Con una squadra forte. Ci allena Zeman, movimenti rapidi in campo, gradoni in allenamento. La squadra la facciamo noi, ma si gioca tutti insieme. Alziamo l’asticella, fondiamo, dal basso, l’Università del Pallone.

Un festival di tre giorni a Bologna per ripensare il calcio.  A Ottobre.
Di giorno conferenze e incontri, di sera reading e concerti.
In mezzo proiezioni di film e documentari, torneo di calcio a cinque, bar sport, workshop di costruzione della palla per bambini. E tanto altro ancora.
John Foot, Simon Kuper, David Winner, David Goldblatt, Gianni Minà, Valerio Mastandrea, Paolo Sollier, Wu Ming, Guido Chiesa, Diego Bianchi, Mimì Clementi saranno con noi, anche per organizzare l’evento. Tanti altri amici italiani e stranieri continuano ad aggiungersi.
Tutti gli eventi congressuali saranno ad accesso gratuito. Grazie anche alle decine di volontari che hanno generosamente offerto il loro aiuto per l’organizzazione.

Tifa Fútbologia
Se vuoi ragionare sul calcio e divertirti con il calcio, se vuoi venire al festival o seguirlo su internet con liveblogging, eventi in streaming e pubblicazione degli atti, partecipa al progetto:
www.futbologia.org

Informazioni su El_Pinta

Semiologo dilettante, spettatore ostinato, saggista crossmediale, teorico poststrutturalista.
Questa voce è stata pubblicata in calcio, Eventi e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Il calcio è la sola religione del mondo: Futbologia, la rivoluzione rotola

  1. emmapretti ha detto:

    Come potete ancora entusiasmarvi per una rappresentazione che sapete essere piena di trucchi, truffe, intese sottobanco, evasioni fiscali ( vedi società calcistiche ) che costano allo stato e ai contribuenti, presi in giro anche dal punto di vista dello spettacolo. Un giro galattico di denaro che sparisce in un vortice di detriti e immondizia. Io non ci riesco più – mi spiace – anche se capisco che abbandonare le illusioni è sempre dura.

  2. Dimitri ha detto:

    Per larghi tratti anche io non ci riesco più, devo ammetterlo. Ma non si tratta di abbandonare le illusioni, quanto piuttosto di abbandonare la realtà, la realtà di questo calcio che ci ha veramente saturato di tristezza, per crearne una nuova, magari illusoria, ma in cui sia possibile tornare a riconoscersi e a divertirsi.
    Io darei fiducia a questi ragazzi.
    E poi li allena Zeman!🙂

  3. El_Pinta ha detto:

    Non posso che dare ragione al mio compare qui sopra

  4. emmapretti ha detto:

    Citando Leopardi: ” L’età si rivolge al vero, che non fu mai bello “

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...