Ongaku no susume #11

Pare proprio che questo sia il disco del mese, non ci sono storie. Si è detto già tutto in questi giorni, e noi de la Rotta Per Itaca non ce la tiriamo e qui lo ribadiamo.

Stefano Palmieri – Il fatto è che Ormai si è detto già tutto, Ormai non sì fa che parlare di loro nei socialini. Se ancora non avete capito, è uscito il nuovo disco dei Fine Before You Came. Inutile fare quelle facce, ve l’avevo detto che Ormai è noto a tutti. L’album, per l’appunto, si chiama proprio Ormai, ed è stato pubblicato dalla Triste (quella dei Crash of Rhinos ricordate? Non sbaglia un colpo). I nostri hanno dato l’annuncio dell’imminente uscita sia sul loro blog che sul profilo Soundcloud, cercando di spiegare cosa c’è nel nuovo disco, cosa li ha spinti ha registrare roba nuova.

Riporto qui le loro parole papale papale:

“Ecco, ci siamo. Non è stato per nulla facile. Trovare il tempo di trovarsi, provare e tornare a casa col sorriso della vittoria. Spesso c’era il broncio della sconfitta. E la consapevolezza che non ci saremmo rivisti per settimane intere. Ci siamo più volte inchiangati e anche a sto giro abbiamo buttato via pezzi interi su cui abbiamo perso del tempo e sudato del sangue. Son cambiate mille robe in corsa e quando siamo arrivati a registrare all’Igloo, che è un posto molto bello, non eravamo proprio preparatissimi. Ma ce l’abbiamo messa tutta e abbiam suonato giorno e notte per una settimana. Poi abbiamo anche litigato perchè l’ultimo giorno ci mancava un sacco di roba ed eravamo tesi come corde di violino. Poi la terapia di gruppo. E poi Maurilio e Marrone sono andati a Berlino a mixare. E i pezzi li hanno ascoltati così tante volte che alla fine gli facevano cacare e odiavano la musica in generale.

Ma pare che ORMAI non possa che essere così. E a dirla tutta noi ne andiamo fieri. E se mai non dovesse piacervi non ce lo dite che ci rimaniamo male. E se invece vi piace dateci una mano a farlo girare che l’unica promozione che ci garba davvero siete voi coi vostri social network e i vostri blog.

Ecco. Grazie mille a tutti voi.”

Ma chi sono i Fine Before You Came? Sono un gruppo/progetto/band, quello che volete voi, Post-rock (passatemi la definizione vi prego perché altra etichetta non la trovo) con urla Hardcore e sfumature Emo anni ’90. Ormai è il quinto lavoro del gruppo, il secondo in lingua italiana, ed è veramente un una botta di malinconia. Se per caso avete un po’ di merda nell’anima, una tristezza di fondo che vi accompagna durante tutta la giornata questo è il disco che fa per voi. I ragazzi hanno abbandonato la furia e la rabbia e hanno deciso di percorrere una strada leggermente diversa ma pur tuttavia parallela decidendo di dare più spazio alle emozioni. I suoni si fanno sempre più intimi e personali, e cercano di trarre forza dalle debolezze. Due esempi, così, per non saper né leggere né scrivere:

Dublino

In tutti questi anni abbiamo detto così tante cose / ne abbiam fatte così poche / programmato mille viaggi e poi rimasti sempre a casa…”

Magone

“Vorrei che il magone fosse un grande mago che ti strappi un sorriso / perchè credimi, con quella faccia mi sembri un randagio / ti sei chiusa dentro al bagno con un trucco ormai vecchio / farò finta che va tutto bene quando torni a letto / e non venirmi a dire che fa tutto schifo quel che è triste / quando a volte vorrei piangere e diventare rosso come fai tu / così brutto da ricordarmi bello e risentirmi vivo / ti porto al cinema stasera ma paghi tu che io non ho un lavoro.”

Ormai è composto da 7 tracce, una più emozionante dell’altra, e si può scaricare gratuitamente qui, oppure si può comprare il vinile sul sito della Triste. Hanno annunciato anche un mini tour i Fine Before You Came su loro blog chiedendo anche aiuto per qualche data, anche se a loro dire scontenteranno qualcuno:

ATTENZIONE A febbraio ricominceremo a fare qualche concerto. Siamo un pò preoccupati che ora la scaletta è più corposa e a fine concerto diventa sempre più difficile arrivarci. Siamo in forma? No, per nulla. Forse un filo di più il Marchetti che ogni mercoledì va a giocare a calcetto con gli amici che non ci presenterà mai. Abbiamo un uomo delle date che si chiama Gianluca e che potete trovare a questo indirizzo mail jordaen@inwind.it. Se volete provate a scrivergli ma sappiate che già stiamo facendo di tutto per riuscire a coprire più Italia possibile. Non faremo più di un paio di date al mese. Non possiamo proprio farle. Questo gruppo è per noi una cosa bella bellissima di quelle che non riusciremo mai nemmanco a spiegarlo quanto è bella ma non può più essere una prioità. Per ovvi motivi. Quindi sappiate che non è nostra intenzione snobbare i vostri inviti a suonare, che si tratti della festa di comunione di vostro cugino Alberto o del festival del Gesù in cima alla vetta di un paese arroccato in un paradiso terrestre. Siete davvero molto cari ad invitarci e noi ci sentiamo onorati ma le date che facciamo sono quelle che effettivamente riusciamo/possiamo fare. Per cui se non sono proprio nella vostra città mandatevi email, scrivetevi, chiamatevi e organizzate macchinate. Vedervi sotto al palco ci farà piacere il doppio. Capiteci. Grazie oh.

Per ora le date confermate sono queste. Presto arriveranno le altre.

17 FEBBRAIO / BOLOGNA / COVO w/ Action Dead Mouse

16 MARZO / TORINO / SPAZIO 211

24 MARZO / PERUGIA / NORMAN

7 APRILE / ROMA / TRAFFIC

14 APRILE / MODENA / LA TENDA w/ Gazebo Penguins

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Musica, Ongaku no susume, Recensioni e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Ongaku no susume #11

  1. Pingback: Hipstalist: consigli per la vostra estate | La rotta per Itaca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...